Nanotecnologia e otturazioni in resina a lunga durata

Nanotecnologia e otturazioni in resina a lunga durata

Dorothy Atkins

Dorothy Atkins | Direttore | E-mail

La nanotecnologia, che si occupa di strutture molecolari e atomiche di dimensioni inferiori ai 100 nanometri, ha lasciato il segno nell'industria della cura della pelle negli ultimi anni. E ora, un professore di endodonzia al Medical College of Georgia spera di sfruttarlo allo scopo di migliorare le otturazioni dentali esteticamente attraenti. Molte persone scelgono otturazioni in resina composita perché corrispondono al dente, rendendole non rilevabili. Tuttavia, non durano quanto le otturazioni metalliche, con una ricerca che mostra che la metà deve essere sostituita entro 10 anni. Ciò è dovuto in gran parte agli spazi nella rete di collagene del dente che l'adesivo di resina non si riempie completamente dopo che il dentista ha rimosso la dentina. Il Dr. Franklin Tay sta lavorando su un processo nanotecnologico che crescerà microscopico, i cristalli per riempire le lacune demineralizzate tra il collagene. Usando un composto minerale e proteico già presente nei nostri denti, svilupperà cristalli di dimensioni ideali per essere guidati negli spazi problematici con uno speciale sistema di rilascio per garantire un legame più forte, che porterebbe conseguentemente a otturazioni più durature. Anche se questo sarebbe un eccitante miglioramento in odontoiatria, il Dr. Tay può vedere questo uso della nanotecnologia che ha un impatto ancora maggiore sul trattamento della cavità più in basso. "Il nostro obiettivo finale è che questo materiale riparerà una cavità da sola", spiega il dott. Tay, "in modo che i dentisti non debbano riempire il dente".

Condividi Con I Tuoi Amici

Articoli Correlati

add