Dormici su

Dormici su

Dorothy Atkins

Dorothy Atkins | Direttore | E-mail

Ti sei mai chiesto che cosa ti passa per la testa dopo che hai annuito? I ricercatori stanno appena iniziando a capirlo, ma quello che sanno è che il cervello addormentato è una zucca affannosa.QUIZ: Quanto sonno di qualità ottieni? Un ruolo chiave del sonno è consentire al tuo cervello di consolidare i ricordi. Questo è il momento in cui i tuoi pensieri sulle nuove conoscenze e esperienze cristallizzano in ricordi a lungo termine. Naturalmente, apprendi cose nuove mentre sei sveglio, ma è quando sei nel profondo del mondo dei sogni che nuove informazioni si integrano con i ricordi memorizzati nel tuo cervello. Questo è secondo uno studio di Gareth Gaskell, Ph.D., professore di psicologia all'Università di York in Inghilterra. Lui e i suoi colleghi hanno scoperto che non solo imparate nuove informazioni meglio se vi dormite sopra, ma anche gli occhi chiusi aiutano il vostro cervello a organizzare questo nuovo materiale. "Sembra che stia mettendo questa nuova conoscenza nel posto giusto in modo che possiate fare il miglior uso di esso dopo il sonno ", spiega il dott. Gaskell. Nello studio, Gaskell ei suoi colleghi hanno fatto imparare nuove parole inventate come" cathedruke ". Hanno giudicato quanto bene le persone hanno integrato una nuova parola con il resto del loro vocabolario vedendo se impararlo rallenta quando identifica parole simili, come "cattedrale", ora che stanno riconciliando entrambe le parole contemporaneamente. I ricercatori hanno scoperto che questa nuova integrazione delle conoscenze era correlata all'attività del fuso del sonno, rapida esplosione dell'attività cerebrale che si verifica quando si passa al sonno più profondo, quando l'ippocampo (memoria profonda nel cervello) interagisce con la neocorteccia (un'area responsabile delle funzioni superiori) compreso il pensiero e il linguaggio coscienti).DI PIÙ: Dormire di più e adattarsi ai tuoi jeans attillatiIl sonno aiuta a memorizzare ricordi emotiviA quanto pare, il tuo cervello è particolarmente parziale nel memorizzare ricordi emotivi mentre stai dormendo. Quando sei sveglio, i tuoi ricordi e le relative emozioni possono ridursi col tempo. Ma la ricerca mostra che i sentimenti che circondano i ricordi spiacevoli sembrano rimanere altrettanto nitidi dopo aver colpito il sacco. Rebecca Spencer, Ph.D., professore di psicologia presso l'Università del Massachusetts Amherst, era curiosa di sapere come il sonno aiuta a preservare la memoria e le sensazioni positive e gli eventi negativi. Ecco cosa ha trovato: "Il sonno rende qualcosa che sembrava negativo sembra altrettanto negativo", afferma Dr Spencer. "Ma il sonno non lo fa per i ricordi positivi. Quindi, se ti sei appena sposato, dici: "Dovrei passare una buona notte di sonno durante la mia notte di matrimonio, perché voglio proteggere quella sensazione felice che ho avuto nel giorno del mio matrimonio?" Il sonno potrebbe aiutarti a conservare meglio tutte quelle immagini dal giorno, ma non farà nulla di preferenziale per quella sensazione felice che hai per questo. "Spencer suggerisce che c'è un maggiore vantaggio evolutivo nel ricordare il tono emotivo legato ai cattivi eventi: assicurarsi che non succedano più. Immagina un bambino che ha messo la mano vicino a una stufa calda, solo per avere il panico di sua madre. "Il bambino ha bisogno non solo di ricordare questo evento negativo", spiega Spencer, "ma devono anche ricordare la propria reazione emotiva, perché se non ricordano quelle cose allora non risponderanno in modo appropriato in futuro." Nel caso di un orribile ricordo di uno scenario che difficilmente incontrerai di nuovo, anche il tuo corpo ha una strategia correlata al sonno. "Con un trauma grave", dice, "la risposta biologica del corpo sta attraversando un periodo di insonnia". Una tale prolungata vigilanza può aiutare a rimuovere la nitidezza dei sentimenti che hai richiamato.DI PIÙ: Come registrare attraverso un evento traumaticoIl legame tra sonno e creativitàOrganizzare i tuoi ricordi mentre sei fuori come una luce può anche aumentare la creatività. "Tutto ciò che ti dà una pausa dall'assumere così tante informazioni e ti consente di passare a una modalità di elaborazione in cui non stai solo inviando le informazioni alla memoria, ma anche riorganizzandole, è da lì che parte l'intuizione creativa", afferma University della professoressa di psicologia di Notre Dame, Jessica Payne, Ph.D.Durante il sonno rapido dei movimenti oculari (REM), le reti del tuo cervello parlano tra loro in modi molto diversi rispetto a quando sei sveglio. C'è molta attività nell'ippocampo (che svolge un ruolo nella memoria a lungo termine), l'amigdala (una regione del cervello importante per l'elaborazione delle emozioni) e parti della corteccia prefrontale (l'area decisionale), secondo il dott. Payne. "Allora hai questa incredibile disattivazione di un'altra parte del lobo frontale chiamata corteccia prefrontale dorsolaterale," aggiunge il dottor Payne, che si pensa sia la sede del controllo razionale. "Se pensi a quale creatività è davvero , si tratta di soluzioni molto estese ai problemi, si tratta di vedere connessioni che di solito non si vedono, si tratta di mettere insieme le informazioni che già si conoscono in modi nuovi e nuovi ", afferma Payne. "E così l'elaborazione del cervello durante il sonno REM potrebbe permettere che ciò accada." In altre parole, il sonno REM permette alle tue emozioni, alla memoria e ai centri decisionali di salire senza i limiti della razionalità solitamente applicati dalla corteccia prefrontale dorsolaterale . Payne sottolinea che qualsiasi riposo si possa ottenere - anche brevi pause, meditazione ed esercizio fisico - può fornire una pausa dall'assorbire le informazioni, consentendo al tempo del cervello di riorganizzare i ricordi e promuovere la creatività.DI PIÙ: I migliori esercizi per trovare il flussoL'importanza del sonno di qualitàDetto questo, alcuni tipi di consolidamento della memoria richiedono periodi di sonno prolungati più lunghi. Ina Djonlagic, M.D., neurologo presso l'Università di Harvard, ha condotto uno studio sull'apprendimento motorio in persone con apnea notturna. Le fece imparare un esercizio, digitando una sequenza di numeri sulla tastiera di un computer. Dopo aver passato una notte di sonno, confrontò la memoria dei movimenti con la memoria trattenuta da un gruppo di controllo che dormiva lo stesso numero di ore, ma senza disturbi. Il gruppo di controllo si è comportato molto meglio al compito di memoria motoria il mattino seguente, mentre quelli con apnea notturna hanno mostrato a malapena miglioramenti. "La nostra ricerca suggerisce che se si dispone di più del solito numero di risvegli, questo interromperà il processo [memoria] e interferirà con il potenziamento dell'apprendimento mentre dormiamo ", afferma Djonlagic. Gli arousali sono piccoli cambiamenti nelle onde cerebrali. Secondo le sue stime, le persone hanno bisogno di periodi di sonno costante da tre a cinque minuti per stabilizzare le nuove informazioni motorie per la conservazione a lungo termine della memoria. Quindi se stai dormendo inquieto, come nel caso dell'apnea notturna, non stai riposando in modo coerente.DI PIÙ: La differenza tra apnea del sonno e russamento Vuole ricordare tutte queste nuove informazioni che hai appena imparato sul sonno? Prova a colpire il sacco.

Condividi Con I Tuoi Amici

Articoli Correlati

add