Perché pensiamo in modo bello = buono?

Perché pensiamo in modo bello = buono?

Dorothy Atkins

Dorothy Atkins | Direttore | E-mail

Nel corso degli anni, numerosi studi e recensioni della letteratura hanno dimostrato che l'attrattiva fisica e l'aspetto hanno effettivamente un effetto importante e prevedibile sui giudizi che le persone fanno sugli altri. Né si tratta semplicemente di estranei che incontriamo nella nostra vita quotidiana. Piuttosto, le nostre interazioni con persone che conosciamo bene, compresi amici, familiari e colleghi, spesso coinvolgono le attribuzioni fatte sulla base del loro aspetto fisico, il che potrebbe essere una sorpresa per loro quanto lo è per noi. Ma qual è esattamente l'effetto e il contenuto di tali pregiudizi di percezione? Nella loro meta-analisi di oltre 900 studi, Langlois et al. (2000) hanno riportato che gli individui venivano trattati in modo diverso in base alla misura in cui erano percepiti come fisicamente attraenti. Nello specifico, le persone attraenti sono state giudicate in modo più positivo rispetto alle persone meno attraenti, anche da coloro che li conoscevano. Langlois ha concluso, quindi, che nonostante le proclamazioni della saggezza ricevuta, l'attrattiva fisica ha un'influenza enorme sulla nostra vita quotidiana. Sia in modo cosciente o meno, trattiamo le persone che percepiamo come attraenti in modo più positivo rispetto a persone che percepiamo come meno attraenti. In uno studio ormai classico di questo effetto, Dion et al. (1972) hanno valutato i partecipanti, su una gamma di misure diverse, fotografie facciali che differivano nell'attrattiva fisica. Hanno scoperto che gli individui fisicamente attraenti sono stati valutati in modo più positivo su diversi tratti della personalità e probabili esiti di vita, come la felicità coniugale e il successo professionale. Lo studio originale non era privo di limiti, ma la scoperta fondamentale è stata replicata molte volte nel corso degli anni. Per esempio, le persone attraenti sono giudicate più oneste, meno disadattate e disturbate, più felici, più riuscite e più socievoli di individui meno attraenti. Si dice inoltre che alle persone attrattive sia riservato più spazio personale, più probabilità di vincere argomenti, più fiducia con i segreti e generalmente considerato migliore a tutto in confronto con individui meno attraenti. Né queste inferenze sono dirette solo agli adulti: le prove disponibili suggeriscono che i pregiudizi di attrazione possono essere diretti anche ai neonati. Stephan e Langlois (1984), ad esempio, chiesero agli studenti nordamericani le loro prime impressioni su neonati di diversi gruppi etnici. Le loro scoperte hanno indicato che i bambini più attraenti dal punto di vista fisico erano considerati più favorevoli rispetto ai bambini meno attraenti, indipendentemente dall'etnia. Inoltre, le persone che ci aspettiamo essere "infelici" spesso soccombono alle stesse pressioni: gli studi hanno riportato che gli insegnanti si aspettano è più probabile che gli studenti abbiano un successo accademico rispetto agli studenti meno attraenti.In un altro studio, Landy e Sigall (1974) fecero studiare a uno studente due dei due saggi di qualità diversa, ai quali era allegata una fotografia del presunto scrittore, una studentessa. In una condizione, il saggio "buono" era accoppiato con una fotografia attraente e poi con una fotografia relativamente poco attraente in una seconda condizione, i saggi "del campione" erano abbinati a ciascuna delle fotografie. Come previsto, Landy e Sigall (1974) hanno scoperto che "la bellezza è di talento": sono stati assegnati voti migliori alla studentessa attraente in entrambe le condizioni - una scoperta che ha importanti conseguenze pratiche per il modo in cui gli esami sono contrassegnati. Inoltre, tali pregiudizi continuano per tutta la durata della vita: rispetto alle persone meno attraenti, le persone attraenti hanno più probabilità di essere assunte per lavori e hanno ricevuto salari iniziali più alti.

Condividi Con I Tuoi Amici

Articoli Correlati

add