Sei gentile ... a te stesso?

Sei gentile ... a te stesso?

Dorothy Atkins

Dorothy Atkins | Direttore | E-mail

Quando il gioco si fa duro, diventi ancora più duro con te stesso? Abbassarti con autocritica o costruirti un'infondata autostima sono due modi sicuri per prolungare un momento difficile. Fortunatamente c'è un modo più semplice per alleviare la tua sofferenza: auto-compassione. Cosa comporta l'auto-compassione? "Non si tratta di giudicare positivamente, si relaziona a se stessi gentilmente, indipendentemente dal fatto che tu stia succedendo o fallendo", afferma la ricercatrice di auto-compassione Kristin Neff, Ph.D.When una relazione "fallisce", in caso di divorzio, avendo l'auto-compassione può diminuire l'angoscia, secondo una recente ricerca in Scienze psicologiche. Il nostro esperto di relazioni David Sbarra, Ph.D. ha scritto del suo studio esclusivamente per YouBeauty.COLONNA: L'auto-compassione facilita il dolore del divorzio "Ci sono tre pilastri di auto-compassione: consapevolezza, umanità comune e autocompiacimento", dice il dott. Sbarra. Esercitare questi componenti può aiutarti a gestire la perdita di un lavoro o una relazione, o anche solo a coltivare più auto-compassione ogni giorno. Qui spiegheremo che cosa significano questi pilastri e ti mostreranno come applicarli alla tua vita quotidiana , con un esercizio del diario dal libro del dott. Neff "Auto-compassione: smetti di picchiarti e lascia insicurezza dietro".1. ConsapevolezzaSe stai rimuginando all'infinito sull'ultimo argomento che hai avuto, è probabile che tu non sia consapevole. È difficile gestire la situazione attuale quando ti stai lasciando trasportare dalla trama drammatica di ciò che ti turba nella tua vita. Se ti ritrovi al lavoro ancora andando oltre il dialogo della tua lotta mattutina con il tuo partner, riconosci che è sconvolgente tu, e poi concentrati sul momento presente: quella scadenza che hai in mente. Puoi affrontare le tue preoccupazioni con un discorso di persona, piuttosto che cercare di risolvere un problema a casa dalla tua scrivania al lavoro. Un luogo semplice per iniziare a essere consapevole? "Sto solo notando che sei perso nella storia", dice il dottor Neff. Per uscire dall'effetto "giradischi rotto del giradischi", vedere cosa sta realmente accadendo, senza ignorarlo o espellerlo a dismisura, dice.COLONNA: Smettere di ossessionare i pensieri negativiRivista: Prenditi un momento per scrivere di come un evento ti ha fatto sentire durante il giorno. L'esempio che il Dr. Neff dà è arrabbiarsi con una cameriera e non lasciare un suggerimento. Prova a raccontare l'evento senza giudicarlo, senza minimizzarlo o esagerarlo. Un modo obiettivo per essere consapevoli dei tuoi sentimenti nei confronti della cameriera è scrivere: "Ero frustrato perché lei era così lenta. Mi sono arrabbiato, ho reagito in modo esagerato e mi sono sentito sciocco in seguito. "Praticare la meditazione può anche aiutarti a notare i tuoi schemi di pensiero in modo più obiettivo. Esistono molte forme diverse e il Dr. Neff offre specificamente meditazioni guidate sulla compassione di sé sul suo sito web.DI PIÙ: La tua guida alla meditazione2. Umanità comuneQuando ti trovi in ​​difficoltà, ti senti tutto solo in quello che stai vivendo? "Il divorzio e la perdita interpersonale sono molto isolati e possono portare alla solitudine", afferma il dott. Sbarra. Questo è il momento in cui entra in gioco la componente "comune umanità": puoi normalizzare la tua esperienza e pensare di non essere la prima persona a dover affrontare questo, e non sarai l'ultimo. "Molte persone hanno affrontato questo problema e si sono ripresi bene. Questo ti connette all'esperienza più grande, facendoti sentire parte di qualcosa che le persone hanno vissuto ", afferma il dott. Sbarra.Rivista: Su piccola scala con l'inconveniente del ristorante, potresti mettere le cose in prospettiva realizzando e scrivendo che "Tutti reagiscono in modo eccessivo a volte". Potresti anche voler pensare alle varie condizioni sottostanti all'evento, rendersi conto che le diverse circostanze influenzano il tuo comportamento il gancio un po '. (Come dire: ero in ritardo per l'appuntamento del mio medico e questo mi ha reso particolarmente scontroso.)DI PIÙ: Busto di un cattivo umore cronico 3. Auto-gentilezzaL'ultimo pilastro dell'auto-compassione sembra semplice, ma richiede ancora un po 'di pratica. "L'autocompiacimento non sta solo rilasciando il giudizio di sé, ma anche l'auto-lenitivo," dice il dottor Neff. Quindi, oltre a perdonare te stesso e non a picchiarti , fai di tutto per rassicurarti e offrire parole comprensibili e premurose.Rivista: Prova a scrivere qualcosa di gentile, accettando parole come "Va tutto bene, hai incasinato ma non era la fine del mondo ..." Se hai problemi a cambiare tono, considera questo: "La maggior parte delle persone sa come essere gentile e solidale ad un buon amico, "quindi il dottor Neff suggerisce di pensare a cosa diresti loro.DI PIÙ: Rivolgiti a un evento traumatico E non è tutto parlare che fa la differenza. "Non trascurare il potere del tocco auto-calmante", dice il dottor Neff. Lei suggerisce di mettere le mani sul tuo cuore o darti un piccolo abbraccio, che può ridurre il cortisolo dell'ormone dello stress. Questo tocco calmante attinge anche al sistema di caregiving / attachment, rilasciando l'ossitocina dell'ormone delle coccole.(Non è comodo provarlo ancora? Comincia a chiedere al tuo amico di strofinare una spalla, o addirittura regalati un massaggio.) Se non pensi di essere abbastanza severo con te stesso per meritare questo TLC, tieni questo in mente: " Tutti noi portiamo una specie di odio o giudizio personale ed è così sottile che alcune persone non lo sanno nemmeno ", afferma l'esperto di felicità Matthew D. Della Porta, MA. Puoi testare quanto sei compassionevole con il Dr. Neff Scala di auto-compassione. Al di là del diario e del tocco auto-calmante, ci sono un sacco di altri esercizi per migliorare la tua auto-compassione. Controllali sul sito di Kristin e nel suo libro.

Condividi Con I Tuoi Amici

Articoli Correlati

add