Vivere con il cancro cervicale: una vera storia

Vivere con il cancro cervicale: una vera storia

Dorothy Atkins

Dorothy Atkins | Direttore | E-mail

"La tua vita può cambiare da un giorno all'altro." Dovrei essere d'accordo. Prima di quest'anno, il cancro ha iniziato a crescere nel mio corpo, adottando un approccio da "0 a 60 in 60 secondi" e, prima che me ne accorgessi, avevo stadio IV cervicale cancro con più tumori nella mia pelvi e piccole metastasi al mio osso pubico e ai polmoni. Come è potuto accadere a una donna di 32 anni altrimenti in buona salute che sei mesi prima aveva un normale striscio di pap e testata negativa per HPV? L'assurda improbabilità della mia diagnosi spiega perché, nel corso di quattro settimane, tutti i dottori che ho visto per i miei sintomi di emorragia vaginale e forte dolore addominale mi hanno riferito di avere una cisti rotta e di assumere Advil. È stato il mio terapista a salvarmi la vita riferendomi a un dottore al Cedars Sinai che ascoltò attentamente la mia storia e mi organizzò per avere una risonanza magnetica quel giorno stesso, rivelando la diffusione insolitamente aggressiva del cancro nel mio corpo. Ma anche il dottore all'ospedale oncologico di New York, dove alla fine sono stato diagnosticato, ho esaminato il rapporto della risonanza magnetica e ho pensato che sarebbe stato troppo insolito per le crescite essere un cancro e mi hanno detto che probabilmente era solo l'endometriosi. Tre giorni più tardi, poche ore prima che partecipassi alla cena di prova per il matrimonio di mio fratello, il medico mi ha chiamato per dirmi che voleva fare le sue immagini perché il suo radiologo non poteva smentire le affermazioni cancerogene della risonanza magnetica. L'esperienza diagnostica mi ha messo su un emozionante viaggio sulle montagne russe - uno che spero non dovrò mai più guidare di nuovo. Quando mi sono ammalato vivevo a Los Angeles, ma per me aveva senso sottopormi a New York Potrei vivere con i miei genitori. L'unica opzione di trattamento a mia disposizione era la chemioterapia, che teoricamente avrebbe funzionato globalmente nel mio corpo. Ma la chemio non è considerata una cura per la maggior parte dei tumori metastatici. Invece, il cancro è considerato una malattia cronica che devi gestire andando avanti e fuori dal trattamento. I medici hanno spiegato che la maggior parte del cancro cervicale di solito cresce molto lentamente. Con l'uso di pap test, il carcinoma cervicale avanzato è raro negli Stati Uniti, con solo tra 1.500 e 3.000 casi segnalati ogni anno. È considerato un cancro del terzo mondo, in cui non sono disponibili screening per la diagnosi precoce. La mia vita non era esattamente dove volevo che fosse quando tutto questo è successo. Nel 2011, ho finito il mio MAE in Graphic Design a Yale e ho intrapreso la strada per una nuova vita in California. Per quanto amassi la città, feci fatica a trovare un lavoro stabile e mi trasferii in un nuovo appartamento in un quartiere diverso ogni sei mesi. Ma io credo che la vita spesso equilibri il bene con il cattivo e sei settimane prima che i miei sintomi arrivassero, ho iniziato a frequentare il mio incredibile e solidale fidanzato senza il quale non so come sopravvivere emotivamente. Scherziamo che è il mio sergente istruttore di positività e un giorno abbiamo inventato nomi e personalità per i miei farmaci chemioterapici. Ad esempio, "Avi", abbreviazione di Avastin, è un maratoneta etiope che accelera il mio corpo facendo cadere le cellule tumorali sul suo cammino.

Sono anche stato il beneficiario della esilarante creatività dei miei amici di LA che ha realizzato una bambola di peluche basata su una delle mie illustrazioni, fotografato la bambola nei miei luoghi preferiti di Los Angeles e legato le fotografie a un libro rilegato attraverso Blurb. Amici come questi arrivano una volta nella vita e sicuramente scelgono il momento giusto per presentarsi ai miei.

Ad aprile, mentre giacevo nella macchina della risonanza magnetica che ha trovato i tumori, un pensiero misterioso mi è venuto in mente: "Quando tutto sarà finito, sarai un guaritore." Confuso da ciò che significava inizialmente, sono venuto rendersi conto che significa parecchie cose. In primo luogo, ho l'opportunità di guarire me stesso. Sulla base della mia scansione più recente alla fine di settembre, il mio processo di guarigione sta andando abbastanza bene. Tutto si sta riducendo in modo significativo e i miei medici dicono che sto avendo una risposta completa alla chemio, che non sempre accade. Inoltre, mi prendo cura di me stesso con una buona alimentazione, agopuntura, massaggi, arti e mestieri, passeggiate quotidiane a Central Park con mia mamma, Kundalini yoga e meditazione. Credo anche che sia mia missione guarire gli altri condividendo la mia storia sul mio blog, e sto studiando per diventare un allenatore della salute presso Integrative Nutrition, che è un programma di certificazione online. Una delle più grandi lezioni che ho imparato fino ad ora è che il corpo vuole guarire se stesso e tutto ciò che devi fare è sintonizzarti e supportarlo nel miglior modo possibile. Essere in sintonia con l'ignoto e affrontare la mia stessa mortalità è stato la parte più difficile di avere il cancro. La nuova direzione nel trattamento del cancro è terapie gene-mirate e il mio cancro ha una mutazione genetica per la quale ci sono diverse prove di droga che potrei unire lungo la strada.Ma per ora, mi sto concentrando sul godermi la vita sana, passare il tempo con i miei amici, FaceTiming con il mio ragazzo, e lavorando su progetti creativi, sia personali che professionali. Dopo un periodo buio in cui ho incontrato la paura paralizzante, la rabbia, la gelosia e il semplice vecchio dolore, ho trovato la via dell'accettazione. È uno stato molto più facile da vivere. Mi permette di sperare che sopravviverò miracolosamente a questa pazza malattia.

Condividi Con I Tuoi Amici

Articoli Correlati

add