I peeling laser sono la peeling moderna

I peeling laser sono la peeling moderna

Dorothy Atkins

Dorothy Atkins | Direttore | E-mail

Il laser ad anidride carbonica divenne popolare nel 1994 come metodo high-tech di riduzione delle rughe. I computer modellano l'energia luminosa ad alta intensità su motivi di quadrati, linee o cerchi. Come un artista dipinge con pennelli diversi, il chirurgo usa queste forme variabili per vaporizzare diverse zone del viso. I risultati iniziali sono stati drammatici e il laser è salito in popolarità, ma come con così tante nuove tecnologie, problemi e complicazioni sono sorte. I cambiamenti di pigmento e cicatrici sono comuni con questo laser, e alcuni di questi cambiamenti non compaiono per mesi o anni. Ci si aspettava che il laser causasse meno problemi di pigmento rispetto al peeling chimico profondo perché si riteneva che le cellule produttrici di pigmento (melanociti) fossero preservate. Eppure oltre la metà dei pazienti ha la pelle alleggerita dopo il laser. A causa di problemi di cicatrici e pigmenti, un laser "più leggero", l'Erbio, è stato introdotto nel 1999. Provoca meno danni da calore rispetto al laser ad anidride carbonica ma è meno efficace in trattamento delle rughe. Qui sembra che ci sia un principio "nessun dolore, nessun guadagno". L'infortunio termico sembra contribuire in parte alla riduzione delle rughe. Il laser ad Erbio rimuove gli strati superiori della pelle danneggiati dalle intemperie, consentendo la formazione di nuova pelle e provocando un certo restringimento della pelle durante la guarigione. La preparazione è identica a quella per un peeling chimico profondo. I peeling laser vengono eseguiti in anestesia locale con sedazione endovenosa o anestesia generale. Gli occhi sono protetti con lenti a contatto in acciaio. L'anidride carbonica pulsata e il laser Erbio entrambi rimuovono sequenzialmente strati di pelle. Con il laser a CO2, la pelle viene sabbiata due o tre volte. Il primo passaggio rimuove l'epidermide. Gli infermieri in sala operatoria sono molto colpiti dal secondo passaggio, poiché la pelle si restringe visibilmente davanti ai loro occhi. Il terzo passaggio è solitamente riservato alle rughe più profonde. Il recupero e il follow-up sono simili a quelli del peeling chimico profondo.Problemi con i peeling laserMolte complicazioni possono verificarsi con i laser. Il laser può incendiare i capelli e le tende chirurgiche, rendendo la giornata sgradevole. Può accendere l'ossigeno che viene erogato al paziente, causando un'esplosione potenzialmente mortale. Nei primi giorni del laser, le ferite alla cornea e le perforazioni del bulbo oculare erano frequenti. Ancora oggi, i cambiamenti di cicatrici e pigmenti sono comuni. Striature di pigmento marrone e linee che delimitano dove può essere fermato il laser. Questa iperpigmentazione può essere estremamente fastidiosa e potrebbe richiedere creme per la pelle come tretinoina e idrochinone, peeling, microdermoabrasione e persino ripetere il laser. Potrebbe persino essere permanente. La pelle può cicatrizzare negli anni, irrigidendosi e schiarendosi. Le cellule che producono il pigmento vengono distrutte dal calore del laser, rendendolo pericoloso essere al sole senza una protezione solare completa. Le iniezioni da peeling laser possono causare cicatrici. Se si verifica un'infezione da herpes, può creare cicatrici tipo varicella. Farmaci antivirali come Zovirax e Valtrex possono prevenire questa complicanza e dovrebbero essere utilizzati in tutti i pazienti sottoposti a un peeling laser. Circa il 10% dei pazienti non raggiunge una riduzione delle rughe. Un secondo laser pochi mesi dopo di solito riduce ulteriormente le rughe. Dopo il laser sono possibili cicatrici rosse o addirittura cheloidi. L'uso di accutane o steroidi prima della laser ritarderà la guarigione fino a un anno, il che può causare cicatrici intense. Dal momento che il laser funziona davvero e realmente riduce la pelle, può causare il restringimento delle palpebre al punto da non chiudersi. Un chirurgo esperto saprà quanto profondamente il laser e se i coperchi richiedono una procedura di serraggio come una cantopessi per prevenire questa complicazione. Il laser è sicuro solo sul viso, poiché la pelle del collo e il resto del corpo guariscono in modo diverso. Le cicatrici sono più comuni in altre aree. Il laser danneggerà in modo permanente i denti. Sono protetti con una garza o un paradenti durante le procedure. Dopo che la pelle è ricresciuta, è rosso vivo per mesi, anche fino a un anno. Una reazione cutanea chiamata milia, o "whiteheads", si verifica spesso pochi mesi dopo la buccia; è aiutato da tretinoina ed esfolianti. La profonda pelatura laser sta diminuendo in popolarità, soprattutto a causa dell'elevata probabilità di alleggerimento della pelle e di una lunga e scomoda guarigione. Nel 1996, ci furono 46.000 peeling laser profondi eseguiti negli Stati Uniti. Dopo un picco di popolarità intorno all'anno 2000, nel 2005 sono stati eseguiti 58.000 laser profondi. Poiché riduce in modo efficace le rughe, il peeling laser viene ancora utilizzato selettivamente nonostante i suoi problemi. D'altra parte, 418.000 cosiddetti peeling laser non statici sono stati eseguiti nello stesso anno. In questi, gli strati superiori della pelle non vengono rimossi. Per trarre vantaggio dagli effetti leviganti della pelle del laser ad anidride carbonica, ma per limitare i problemi di guarigione, vengono ora utilizzati livelli di potenza inferiori. La pelle è rimasta intatta e funge da medicazione. Il "laser a CO2 leggero", come viene chiamato, riduce le rughe, ma non in modo così aggressivo quanto la versione più potente. Può essere eseguito con solo anestesia con crema EMLA e i pazienti guariscono entro una settimana senza stillicidio. Non sembra causare l'alleggerimento della pelle.

Condividi Con I Tuoi Amici

Articoli Correlati

add