Il nuovo studio rivela il superfood che ti aiuta a tenerti forte mentre invecchi

Il nuovo studio rivela il superfood che ti aiuta a tenerti forte mentre invecchi

Dorothy Atkins

Dorothy Atkins | Direttore | E-mail

Se stai già incorporando le fragole nella tua dieta, sei in cerca di buone notizie. Il superalimento contenente vitamina C non solo aiuta come antiossidante per aumentare l'immunità e combattere i radicali liberi, ma come dimostra un nuovo studio, può anche aiutare a prevenire l'invecchiamento mentale, la demenza senile, il morbo di Alzheimer e gli ictus.

Secondo un recente studio pubblicato nel Riviste di Gerontologia Serie A, un composto naturale che si trova nelle fragole chiamato fisetina riduce la degenerazione e l'infiammazione cognitiva. Un gruppo di ricercatori del Salk Institute for Biological Studies ha condotto uno studio utilizzando due gruppi di topi che hanno avuto un'età prematura. Ad un gruppo è stata somministrata una dose giornaliera di fisetina con il loro cibo per sette mesi mentre il secondo gruppo non lo era.

Potrebbe piacerti anche: la scienza ha appena confermato che mangiare questo dessert per colazione può renderti più intelligente

I ricercatori hanno condotto test di attività e memoria sui topi durante l'esame dello stress, dell'infiammazione e dei livelli di proteine ​​correlati alla funzione cerebrale. "A 10 mesi, le differenze tra questi due gruppi erano straordinarie", afferma lo scienziato dello staff senior presso Salk e la principale autrice dello studio Pamela Maher. Il gruppo di topi che non consumavano fisetina aveva problemi con i test e con marcatori elevati per stress e infiammazione. I topi che hanno consumato fisetina al giorno non hanno avuto le stesse difficoltà.

"I topi non sono persone, ovviamente, ma ci sono abbastanza somiglianze che riteniamo che la fisetina meriti un'occhiata più da vicino, non solo per trattare potenzialmente l'Alzheimer sporadico ma anche per ridurre alcuni degli effetti cognitivi associati all'invecchiamento, in generale", dice Maher, che spera di condurre uno studio futuro con partecipanti umani per confermare i risultati. Ma nel frattempo possiamo contare questi risultati come un'altra ragione per sentirsi bene a mangiare una grande ciotola di fragole.

Condividi Con I Tuoi Amici

Articoli Correlati

add